Copernicus Land: Monitoraggio delle Aree Costiere Europee ad altissima risoluzione

Copernicus Land: Monitoraggio delle Aree Costiere Europee ad altissima risoluzione


Copernicus Land Monitoring Service: mappatura hotspot copertura e uso del suolo ad altissima risoluzione per le zone costiere europee.


L'Agenzia Europea dell'Ambiente (EEA) svolge un ruolo chiave nello sviluppo dei servizi Copernicus, in particolare nel coordinamento tecnico del Copernicus Land Monitoring Service (CLMS). La mappatura hotspot del CLMS mira a fornire informazioni specifiche e dettagliate sulla Copertura del Suolo (LC) e Uso del Suolo (LU). I CLMS sono realizzati in stretta collaborazione con i servizi Copernicus di monitoraggio dell'ambiente marino (CMEMS) per istituire un sistema di monitoraggio che affronti la complessa situazione negli ambienti costieri.

Il progetto
L'Agenzia Europea dell'Ambiente ha aggiudicato un contratto di circa 3 milioni di Euro a Planetek Italia per la prima mappatura tematica degli hotspot dei CLMS ad altissima risoluzione delle zone costiere europee.

Lo scopo principale di questo progetto è implementare la mappatura LC/LU delle aree costiere con le specifiche tipiche di un prodotto tematico di mappatura di hotspot per gli anni di riferimento 2012 e 2018 e una nomenclatura coerente al Corine Land Cover (CLC).

Il consorzio europeo di fornitori di servizi EO guidato da Planetek Italia lavorerà, quindi, affinché l'EEA attui il nuovo prodotto sulle zone costiere, andando ad arricchire la categoria Mappatura degli hotspot tematici del Servizio di monitoraggio del territorio COPERNICUS (CLMS).

Il nuovo prodotto sarà costituito da set di dati sulla copertura del suolo / utilizzo del suolo ad altissima risoluzione, che si estenderanno entro una zona cuscinetto di terra a 10 km dalla costa in tutto il territorio europeo (33 paesi membri SEE e 6 paesi cooperanti). L'area totale da mappare coprirà circa 730.000 kmq e sarà costituita dalla mappa di stato LC / LU per l'anno 2012, dalla mappa di modifica LC / LU dall'anno 2012 al 2018 e dalla mappa di stato LC / LU per il anno 2018.

Sono previsti i seguenti output:

  • LC/LU status map 2012;
  • LC/LU change and status update 2012-2018;
  • LC/LU status map 2018.

A causa della complessità di interessi, direttive e dinamiche naturali nelle zone costiere, il lavoro prevede anche il coinvolgimento costante degli stakeholders a livello nazionale, regionale e locale, per l'intera durata del progetto. Gli stakeholders saranno coinvolti sin dalle attività preliminari alla produzione, attraverso una piattaforma online volta a raccogliere ulteriori requisiti specifici a livello nazionale e regionale. Il coinvolgimento continuerà per l'intera durata del progetto con l'obiettivo di contribuire anche al l'evoluzione dei prodotti di monitoraggio costiero già pianificati e futuri del servizio CLMS di Copernicus.

Il consorzio industriale guidato da Planetek Italia (Italia) è composto da altri tre fornitori di servizi EO europei con una vasta esperienza nei programmi Copernicus, ovvero GeoVille GmbH (Austria), Telespazio Ibérica (Spagna) e Planetek Hellas (Grecia).

Visita il sito ufficiale per saperne di più sui prodotti Copernicus Land Coastal Zones monitoring.