Planetary Radar Operation Center

Planetary Radar Operation Center

Tu sei qui


Implementazione di una Spatial Data Infrastructure per la gestione unificata dei dati radar planetari raccolti dai centri operativi delle missioni di esplorazione dello spazio gestiti dall'ASI.


Il Planetary Radar Operation Center (PROC) nasce dalla volontà di ASI (Agenzia Spaziale Italiana) di unificare gli attuali tre centri operativi SHOC (Sharad), MOC (Marsis) e C-PAD (Cassini) ed implementare un unico punto di accesso ai dati acquisiti dai tre sensori Sharad, Marsis e Cassini.

Il sistema PROC si configura come una tipica Spatial Data Infrastructure (SDI) per la gestione unificata dei dati radar planetari raccolti dai dei tre centri operativi e implementa i servizi tipici di una SDI, come i servizi di ricerca, consultazione, download e di conversione.

In particolare il sistema PROC consente:

  • l'acquisizione e il processing dei dati
  • la divulgazione e la ricerca dei dati
  • la consultazione interattiva dei radargrammi e delle altre informazioni su mappe all'interno di un webGIS

Architettura

L’architettura logica del sistema PROC prevede tre aree distinte:

  • un’area scientifica di analisi e produzione dei dati e dei prodotti di missione;
  • un’area di archivio e backup;
  • un’area Internet per la divulgazione dei prodotti e dei lavori scientifici del PROC.

Le tecnologie di base utilizzate dal sistema PROC sono:

  • Plone: uno strumento FOSS di Content Management per pubblicare contenuti sul portale PROC
  • Cart@net®: framework WebGIS, verticalizzato ad hoc per il trattamento di dati planetari e di sottosuolo
  • ERDAS Image Web Server: un MapServer commerciale ad elevate performance
  • GeoServer: un MapServer GFOSS per pubblicare le mappe vettoriali cartografiche in sistemi di riferimento planetografici e/o planetocentrici, secondo standard OGC
  • Postgres/PostGIS: un Database e un GeoDatabase FOSS quale repository di tutta l’informazione

Le tecnologie sviluppate sono, inoltre, progettate per garantire l’espandibilità a future missioni (anche terrestri).

Consultazione dei radargrammi

Per questa attività Planetek Italia ha sviluppato SpaceGIS, un prodotto progettato per la consultazione interattiva di dati geografici planetari, appositamente specializzato per una consultazione integrata di dati superficiali (mappe) con dati di sottosuolo (radargrammi) o altimetrici. Attraverso SpaceGIS è possibile gestire i sistemi di riferimento dei diversi pianeti o lune del nostro sistema solare che fanno riferimento allo IAU2000, analogo del EPSG terrestre. Vengono utilizzate una proiezione equatoriale (analoga alla 4326) e due polari (analoghe alle polari stereografiche).

SpaceGIS sfrutta la potenza e la versatilità degli standard OGC (WMS, WFS, WCS, WMC e GeoRSS), adottati sia per esporre i dati gestiti dal PROC che i servizi cartografici OGC esterni come (NASA).

SpaceGIS presenta i classici strumenti di navigazione delle mappe ai quali si aggiungono strumenti innovativi come:

  • visualizzazione di due mappe in modalità comparativa e sincronizzata
  • gestione bookmark di viste WebGIS in formato Web Map context (WMC) condivisibili via e-mail
  • generazione e consultazione di GeoBLOG, per favorire lo scambio scientifico in merito alle acquisizioni in determinati punti del pianeta.